Senza tetto chiede detenzione invernale

Condannato, a chiesto di spostare la detenzione: d’estate si dorme bene anche all’aperto.


Ex Sabiem, dormitorio per senza tetto

Se si varcano quei cancelli, si scopre una città nella città. Da due buchi nella cancellata, spuntano due porticine coperte da fil di ferro. Da lì, si entra in un rifugio per senza fissa dimora e nomadi.