Argini, la Provincia “caccia” istrici e tassi

Il progetto prevede la cattura tramite apposite gabbie e il trasferimento in altre aree delle specie protette non cacciabili, ritenute però in grado di danneggiare le arginature dei fiumi