in:

E’ stata presentata la grande partenza del Giro d’Italia, che l’11 maggio scatterà da Piazza Maggiore

Nel centro di Bologna non si perde neanche un ciclista. Sei chilometri a perdifiato, col via da Piazza Maggiore. Poi, chiudere gli occhi, puntare il rapporto che si può e sperare di ritrovare le gambe all’arrivo, dopo i 2 km finali a raschiare il cielo di San Luca. Dopo il muro delle orfanelle, dove la strada sale fino al 18%. La grande partenza del Giro d’Italia, dal cuore della città fino alla Basilica della Madonna sul Colle della Guardia, una crono individuale mai vista così bella e difficile sarà uno spettacolo unico per inaugurare la corsa rosa.
Appuntamento a sabato 11 maggio: 198 paesi collegati, 900 milioni di spettatori, un investimento del territorio, Regione in testa, che porterà un ritorno incalcolabile in termini di promozione e immagine. Non solo la grande partenza, che prevede anche il via della seconda tappa, sempre da Bologna, il giorno dopo. Il Giro virerà verso la Toscana, poi il sud, quindi di nuovo l’Emilia Romagna. Il 19 maggio Riccione-San Marino, altra crono di 34 km, i 21 Ravenna-Modena e il 22 partenza da Carpi verso ovest. Appasionati e non solo si stanno già preparando. Lo farà con un sogno speciale anche la Segafredo, che da anni ha messo il suo nome sulla squadra americana della Trek ed è uno dei partner principali del Giro


Riproduzione riservata © 2018 TRC