in:

L’attaccante del Sassuolo nel mirino dei tifosi della Juventus dopo lo sputo ricevuto dal bianconero Douglas Costa, costato al brasiliano 4 giornate di squalifica. Le accuse di razzismo respinte al mittente da DiFra Jr: “Invenzioni, chiedo rispetto”.

Un intervento duro, una gomitata, un accenno di testata e alla fine uno sputo: la sequenza, inqualificabile, ha portato sul banco degli imputati da domenica scorsa il brasiliano della Juventus Douglas Costa. Immagini inequivocabili, che hanno spinto l’attaccante bianconero a scusarsi sui social network. Dal proprio profilo Instagram ha chiesto scusa ai tifosi della Juventus e ai compagni di squadra, senza mai menzionare l’avversario oggetto della sua reazione scomposta, Federico Di Francesco: obiezione alla quale Costa ha risposto a un tifoso “tu non sai cosa mi ha detto”, lasciando intendere offese gravissime. Da lì ecco le interpretazioni molteplici su presunte parole razziste da parte di Di Francesco. Accuse cui l’esterno neroverde ha voluto rispondere attraverso il profilo twitter del Sassuolo.

Sono profondamente turbato dalle illazioni e dalle invenzioni apparse su alcuni media nazionali. Tutto questo è offensivo e denigratorio – dice Di Francesco, che poi conclude – Non permetto che mi vengano attribuiti comportamenti e/o frasi razziste che non appartengono ai miei valori etici e che sono frutto dell’immaginazione altrui. Chiedo e pretendo rispetto

Il riferimento è all’immagine, più volte riproposta, di quello che sulle prime sembrò un saluto romano durante la partita Lanciano Modena del 2016. Interpretazione poi smentita dalle ricostruzioni successive, saluto militare e non saluto romano alla curva del Lanciano, tanto che la stessa comunità ebraica che sulle prime aveva stigmatizzato l’episodio, ritirò la reprimenda dopo il supplemento di spiegazioni. Le parole di Di Francesco non hanno però fatto altro che alimentare le reazioni degli ultras da tastiera, in una vera e propria bufera web: ennesima deriva della mancanza di cultura, non solo sportiva, dei nostri tempi.


Riproduzione riservata © 2018 TRC