in:

A Mirandola una emozionante cerimonia nel nome di Marco Simoncelli, lo sfortunato pilota di MotoGp morto nel 2011. Il comune ha infatti intitolato il palazzetto dello sport al Sic

«Secondo me una cosa che aiuta a vivere in modo più coraggioso è avere un obiettivo, che sia di qualsiasi tipo, di sport o di lavoro. Allora puoi andare avanti senza paura». Sono parole di Marco Simoncelli, che da oggi saranno fonte d’ispirazione, un monito a non mollare mai per tutti i giovani sportivi mirandolesi. Il comune di Mirandola infatti ha intitolato il Palazzetto dello sport allo sfortunato pilota morto in un incidente durante il Gran premio della Malesia del 2011, quando aveva solo 24 anni. Una lunga cerimonia di intitolazione, con esibizioni della squadra di pattinaggio della Polisportiva Pico e alla presenza dei genitori del Sic, che guidano una onlus intitolata al figlio che si impegna per i più bisognosi. Paolo e Rossella Simoncelli hanno poi scoperto una targa posta all’ingresso del palazzetto che ricorda Marco, come pilota e come ragazzo, come punto di riferimento per i più giovani oggi come allora.

 

 


Riproduzione riservata © 2018 TRC