in:

Sesto posto per Alonso e brutto incidente per Raikonnen

Ha vinto Lewis Hamilton, ma tutto sommato ha vinto anche Kimi Raikkonen. Nel giorno del Gran Premio di Gran Bretagna a Silvestone, possono festeggiare in due. L’inglese della Mercedes per il successo in pista, il finlandese della Ferrari per essere uscito praticamente illeso da un botto pauroso. Il brivido arriva poco dopo il via. Nel corso del primo giro, Raikkonen finisce largo alla curva 5 e poi rientra, ma la sua Ferrari rimbalza su un dosso e perde aderenza. La monoposto diventa incontrollabile e punta dritta contro le barriere. Botta violenta e rimbalzo in pista dove, miracolosamente, tutti riescono a evitarlo. Compreso Felipe Massa, alla 200′ gara in Formula 1. Il brasiliano sterza secco con la sua Williams e sfiora soltanto la Ferrari. Per entrambi la gara è finita, ma con in allegato un bel sospiro di sollievo. Sul circuito in cui, 15 anni fa, Michael Schumacher fu vittima dell’unico grave incidente in carriera, con frattura della gamba destra, Raikkonen se la cava con qualche graffio alla caviglia e niente più.
Dopo la ripartenza in regime di safety car, la gara conferma il dominio assoluto della Mercedes ma rimescola le carte per la corsa al titolo. Nico Rosberg, tradito dal cambio, è costretto al ritiro quando stava controllando la corsa. Ne approfitta Lewis Hamilton: vittoria in casa, pubblico di Silverstone impazzito e mondiale riaperto, coi due contendenti Mercedes separati da appena 4 punti. Alle spalle, da sottolineare la prova orgogliosa di Fernando Alonso: lo spagnolo parte 16′, sbaglia posizionamento in griglia, viene penalizzato con 5 secondi al pit stop, ma poi ingaggia un duello memorabile con Sebastian Vettel. Sfida tra campioni veri, per quanto confinati nelle retrovie da monoposto nate male e sviluppate peggio. Ruota a ruota mozzafiato che entusiasma il pubblico e regala applausi a entrambi. Peccato che in palio ci fosse solo il 5′ posto, conquistato dal campione del mondo tedesco. Ma in una Formula 1 anestetizzata da regole cervellotiche e dominio Mercedes, certe botte di adrenalina valgono più di un posto sul podio.


Riproduzione riservata © 2019 TRC