in:

Tocca al Sassuolo inaugurare questa sera il 32′ turno di serie B. Avversario di turno, un Empoli in crescita.

Per restare al passo col patròn, la vittoria diventa quasi un obbligo. Giorgio Squinzi continua a mietere successi, il Sassuolo prova ad adeguarsi. Il neoeletto presidente di Confindustria attende notizie positive dalla sua squadra. In attesa di capire se da ieri il Sassuolo avrà più considerazione dai media e dagli arbitri, questa sera parla il campo. Dopo la remuntada di Bergamo, da 0-2 a 3-2 in 25 minuti di lucida follia agonistica contro l’Albinoleffe, i neroverdi cercano un altro colpo da serie A. Vincere significherebbe addormentarsi in zona promozione diretta, in attesa poi della risposta delle concorrenti domani pomeriggio.
Di certo, l’impresa di sabato scorso ha cambiato prospettiva al finale di campionato. Restare agganciati al trenino – promozione è un primo successo. Ora serve prolungare la striscia vincente per dare concretezza al sogno serie A. Avversario di serata, un Empoli in crescita, ma ancora pienamente coinvolto nella lotta salvezza. I toscani, tre allenatori cambiati in questa stagione, paiono aver beneficiato del ritorno di Aglietti in panchina. Due vittorie con avversarie di livello, blitz a Varese e successo interno con il Bari, raccontano di una squadra da accogliere con massima attenzione. Il Sassuolo, che a Bergamo ha ritrovato la vittoria dopo 35 giorni di astinenza, andrà all’assalto senza Sansone. Troianiello, Bruno e Boakye le armi offensive da miscelare, solo Pea sa come, nel corso dei 90 minuti. In attesa anche del primo acuto di Simone Missiroli. L’investimento più oneroso del mercato di gennaio sogna una serata da protagonista. Essere stato scelto e pagato dal presidente di Confindustria impone di uscire dall’anonimato.


Riproduzione riservata © 2018 TRC