in:

Serata di campionato per Modena che ospita il Bari e Sassuolo che va a Vicenza

I presuntuosi in serie B fanno pochissima strada. Specie se sei, pardon ti senti più forte degli altri. E in effetti, aldilà di tutto, gli uomini che vanno in campo vestiti di giallo sono migliori, ma non sono ancora il Modena. Non quello che vorrebbe vedere Bergodi, né i tifosi, nessuno insomma. Però quella squadra ammirata, si fa per dire, a Reggio, ha un’altra chance. Stasera, ore 20.45, c’è il Bari che serve per dimostrare: a) che la serie B non concede troppo tempo per ammazzarsi di rimpianto o cullarsi sugli allori. B) che bisogna invertire la marcia e farlo subito, anche se davanti hai una buonissima squadra. Modena-Bari è il confronto tra due, in modi di diversi, deluse. I gialli, tantissimo, per l’1-4 di sabato firmato dal peggior Perna possibile, quello di certe gare sciagurate; i galletti di Puglia, un pochino, per lo 0-0 scialbo col Varese che sa tanto di “bentornati in B, dimenticate la A perché questa è un’altra cosa”.
Proprio quello che non si augura il Sassuolo. Il martedì, si augurano i neroverdi, sarebbe bello fosse tanto come il sabato. Vincente e soddisfacente. Il 3-1 alla Nocerina ha convinto per la reazione allo svantaggio e per la gestione del secondo tempo, meno per l’approccio iniziale. Dettaglio da migliorare nella trasferta di stasera a Vicenza dove i neroverdi sperano di riproporre solo l’attacco delle meraviglie con Boakye e Sansone e non certi orrori difensivi visti soprattutto col Verona. Questione di facce: quella presuntuosa meglio lasciarla a casa perché non porta da nessuna parte.


Riproduzione riservata © 2018 TRC