in:

Il primo gol di Marco Bernacci in gialloblù ha regalato il successo al Modena nell’amichevole di ieri sul campo della Reggiana

È tornato dopo 10 anni il derby fra Modena e Reggiana, andato in scena ieri al Giglio in una frizzante serata precampionato. È tornato condito, nonostante gli appelli dei due presidenti, da qualche scontro lontano dallo stadio con tre tifosi modenesi che hanno trascorso la serata in questura e altrettanti granata fermati dagli agenti della polizia. In tribuna invece tutto è filato liscio, forse perché allo stadio è arrivato soltanto chi davvero aveva intenzione di godersi una partita che mancava da troppo tempo.
Finisce 1-0 per il Modena di Bergodi che festeggia anche la prima rete in gialloblù di Bernacci, in campo dal primo minuto con Greco in panchina. La prima occasione è sulla verticale Spezzani-Fabinho, con il brasiliano che salta anche Silvestri ma si vede respingere sulla linea da D’Alessandro. I padroni di casa chiedono il rigore per un intervento scomposto di Carini, poi di nuovo Fabinho semina il panico in area, ma non trova la via della porta.
A inizio ripresa Bernacci non sfrutta la più facile delle palle gol che Gilioli gli serve su un piatto d’argento, ma si fa perdonare quando triangola con lo stesso Gilioli, che si conquista il rigore che Bernacci trasforma.
La Reggiana reagisce e Viapiana impegna Fortunato da fuori, poi al 67’ Greco manda fuori sciupando il 2-0 su assist di Di Gennaro. L’ultima chance è per i granata, che all’81 ci provano con Esposito, con Fortunato che dice ancora di no.
Il Modena festeggia e sposta la concentrazione sulla gara di Coppa Italia di domenica con la Reggina, il cui fischio d’inizio è stato anticipato alle 16,30.


Riproduzione riservata © 2018 TRC