in:

CALCIO B. Modena in attesa del comunicato di Ghirlandina Sport, che controlla il 22% del pacchetto azionario gialloblu…

In attesa di comunicati, dopo gli spifferi. I comunicati, quelli li aspettiamo da Ghirlandina Sport. Il 22% del Modena è una solida base di partenza, ma arrivare al 100% o anche solamente al 51 è un altro discorso. Molti soci scontenti all’interno della cordata capeggiata da CPL-Concordia, che ha dato fiato ad Amadei e che per questo i modenesi ringraziano. Tanti dissapori, come detto, per quello che i conti del Modena hanno rivelato rispetto a quanto aveva lasciato intendere Amadei. A Ghirlandina e al capofila Casari erano stati promessi debiti contenuti, nell’ordine di pochi milioni di euro, e invece l’esborso è stato molto superiore e questo è un dato di fatto. Casari, vero appassionato di Modena, vero tifoso, potrebbe buttare il cuore oltre l’ostacolo e decidere, anche per esigenze d’immagine, trattandosi di cooperativa, di sostenere i gialloblu. La volontà di smarcarsi da Amadei c’è, e arriva anche e soprattutto dai soci. Intanto, però, oggi siamo in attesa del comunicato di cui vi dicevamo sopra. Gli spifferi, quelli invece arrivano da Lentigione. Ieri era in programma il Consiglio di Amministrazione. Non si è arrivati ai coltelli, ma si è capito, una volte per tutte, che Immerfin (che controlla il pacchetto azionario gialloblu) vorrebbe non iscrivere il Modena alla prossima serie B. Quindi obbligare Amadei ad uscire dal tourbillon nel quale si è infilato per colpa sua e di nessun altro. Intanto, in ottica possibili acquirenti, tra fantomatiche cordate romagnole e cavalieri bianchi che paghino il debito di Amadei, rimane ancora attivo Livio Cavagna. Tramite il suo profilo Facebook fa capire di essere ancora interessato al Modena, dice lui. Magari in C2, tramite Lodo Petrucci, diciamo noi. Mettetevi nei panni di un compratore: meglio la Seconda Divisione di LegaPro ripartendo da zero o pagare società, debiti e quant’altro in B, serie che un appeal tendente a zero? Fate due conti, la risposta è sempre quella. E non è piacevole da sentire…


Riproduzione riservata © 2017 TRC