in:

SCI NORDICO. Nella gara più congeniale a lei, Arianna Follis (con Magda Genuin) arriva quarta, dietro Germania, Svezia e Russia.

Così è deludente. Molto deludente perchè ti gusti una delusione, la assapori e sembra anche un piccolo grande calvario alla fine di tutto. Arianna Follis e Magda Genuin quarte nella team sprint di Vancouver se non si chiama delusione, davvero non sappiamo come chiamarle. Arianna Follis e Magda Genuin cotte, a fuoco lento. E dire che fino ad un certo punto, fino a due terzi di gara era sembrato il delitto perfetto. A dirla tutta, il copione era stato impeccabile fino a cinque minuti dalla conclusione. Sin dalla semifinale. In cui gli avversari c’erano, per carità, in cui le italiane avevano speso nulla, trainate dalle francesi Laurent-Phillipot e Barthelemy. Follis che controlla, piazza la sgasatina finale e ipoteca la gara per le medaglie. Che sembra andare per il verso giusto, con le altre a tirare, Arianna e la Genuin coperte il giusto e attaccate al treno che conta. Fino al penultimo giro della genuin che paga qualcosa, ma Follis ricuce senza problemi. Stesso copione all’ultimo cambio, ma qui Genuin commette il peccato originale. Perde cioè cinque secondi e addio medaglie. Perchè Kuenzel, ora Nystad peer matrimonio, Haag e Korosteleva gestiscono e si spartiscono il metallo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC