in:

CALCIO B. Alla scoperta della Reggina, avversario del Sassuolo nel recupero.

Qualche vittoria, seppur sonante, non basta per certificare l’uscita dalla crisi. Una situazione complicata, quella della Reggina, testimoniata da una classifica deficitaria: 19 punti che significano posizione in zona playout. Guardandola positivamente, mancando ancora più di 25 giornate alla fine, nulla è impossibile per gli uomini di Iaconi, che qualche segnale di risveglio l’hanno dato. Le ultime due partite vinte hanno riportato un po’ di ottimismo.Una positività dimostrata dal 343 spregiudicato messo in campo dal mister granata negli ultimi match. In porta c’è sempre Cassano, non impeccabile nelle prime sedici partite. Nella linea a tre difensiva, non giocherà Adejo, giovane nigeriano classe 89 scoperto dall’ex capitano reggino Giacchetta: per lui, che aveva giocato ad Ascoli, ci sarà la panchina, visto il rientro di Lanzaro a destra e Cascione al centro. Sulla sinistra ballottaggio Capelli-Santos. Out Costa e Carlos Valdez.A centrocampo la linea a 4 prevede Morosini a destra, benchè l’ex Bologna sia un regista. In mezzo andranno Carmona e Barillà, con Rizzato che dalla difesa è salito e ora fa stabilmente l’esterno.In attacco poi altro ballottaggio a destra: in vantaggio è Brienza, ma potrebbe non essere impossibile vedere Missiroli come ad Ascoli. Punta centrale sarà ancora una volta Bonazzoli mentre a sinistra giocherà l’uomo più in forma: Biagio Pagano, ex Rimini ed ex obiettivo estivo del Sassuolo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC