in:

PALLAVOLO A1. Presentazione ufficiale per la nuova Trenkwalder. Ma a pochi giorni dall’esordio ancora non si sa se il campionato scatterà regolarmente.

Parola d’ordine: piedi per terra, senza però rinunciare a nulla. La nuova Trenkwalder, finalmente al completo dopo l’arrivo sotto la Ghirlandina del venezuelano Diaz, si è presentata così, ieri sera, ai propri tifosi. In un PalaPanini che finalmente racconta a suon di stendardi ciò che Modena rappresenta per la pallavolo italiana, la serata è filata via fra l’applauditissima esibizione canora del preparatore atletico Guazzaloca e i giudizi estetici della finalista di miss Italia Martina Alberti ai giocatori gialloblù, con tanto di voti e incoronazione finale per il capitano Angel Dennis. Tutto in attesa di sapere se domenica il PalaPanini aprirà le sue porte per ospitare la prima di campionato fra Modena e Macerata o se il via della serie A1 sarà posticipato. Lega e Federazione sono ferme sull’intenzione di non rinviare le partite, ma sulla pallavolo pende la spada di Damocle del ricorso di Forlì al Tar del Lazio, che giovedì potrebbe bloccare tutto. Tanti dubbi, insomma, come invece dimostra di non avere il presidente gialloblù Giuliano Grani sugli obiettivi della stagione. "Vorrei che alla fine del girone d’andata fossimo fra le prime otto e che ci giocassimo la Coppa Italia: è una manifestazione che mi piace molto e che si assegna in una due giorni molto bella con tanti bambini. Poi spero che la squadra ci faccia vivere dei play off da protagonisti".


Riproduzione riservata © 2018 TRC