in:

CALCIO B. Mancano due giorni alla quarta giornata di campionato per il Modena che venerdì sera sfiderà il Lecce al Braglia alle 20.45. Qualche dubbio in casa gialloblu legato alle condizioni di Pinardi e Troiano, che però dovrebbero recuperare…

Calma e gesso. Morale alto ma testa bassa. Quasi a mo’ di toro, quasi mostrando le corna. Quasi senza curarsi di chi sta davanti a te, dall’altra parte del campo, in sostanza l’avversario. Che è il peggiore possibile. Forte, tanto forte, forse meno forte di quanto non sembrasse all’inizio. Ma tanto incavolato per due sconfitte da parte di chi non si aspettava. Modena-Lecce, venerdì sera 20.45, parte da qui: da una vittoria raccattata su nella pattumiera degli ultimi minuti, grazie ad un signor attaccante-spazzino dell’area di rigore. E parte da una sconfitta, anzi due. Del Lecce, di chi doveva comandare la B e invece si trova intruppato: due kappao che tra l’altro fanno male, contro Piacenza e Frosinone. E lì, gli ingredienti che si miscelano si chiamano colpa e sfortuna. Partirà dai tre-quattro pali raccolti nelle ultime due partite, il Lecce, partirà con la voglia di chi vuole spacccare il mondo. E per iniziare a spaccarlo, bisognerà spaccare il Modena. Che, al momento, non muore mai. Cambia tutta la vita coi due gol di Bruno, cambia tutto il mondo se col Lecce ci saranno, come sembra, Troaino e Pinardi. Il primo già integrato nel gruppo, scalpita. Il secondo, alle prese col lavoro differenziato, guarda gli altri e morde. Con una grinta che vorrebbe spaccare il mondo. Ma per il momento, tanto per capirci, basterebbe spaccare il Lecce.


Riproduzione riservata © 2016 TRC