in:

Non vuole nessuno attorno, tranne la piccola Denise, la sorellina di Elisa, cui l’azzurra ha fatto quasi da madre. Con la bambina in braccio Lucio Cusma, seguirà trepidante l’impresa della primogenita, che stasera alle 21,35 inseguirà il sogno del podio sugli 800 metri ai mondiali di Berlino.

Non sta più nella pelle Lucio Cusma. Nella sua villetta di Piumazzo, il padre di Elisa ha la tv accesa da questa mattina, sui mondiali di atletica. 54 anni portati magnificamente, il fisico asciutto di chi allo sport non sa rinunciare, Lucio ha trasmesso a quella prima figlia grinta, determinazione e passione. Le stesse che l’avevano portato, nel 1983, quando Elisa aveva solo due anni, alla conquista del titolo europeo di boxe, categoria pesi leggeri, a suon di ko inflitti agli avversari. Corona poi difesa e persa, ironia della sorte, proprio contro un tedesco, in Germania, là dove Elisa questa sera gareggerà nella finalissima, dopo aver dedicato l’ultimo traguardo, in semifinale, al padre.


Riproduzione riservata © 2018 TRC