in:

Il Tribunale delle Grandi Istanze di Parigi ha respinto il ricorso della Ferrari. Via libera alle nuove norme volute da Mosley. Maranello è pronta ad uscire dalla Formula 1, ma ci sono ancora i margini per un’intesa.

La Ferrari si allontana dalla Formula 1, o da quello che sarà nel 2010 con le nuove regole volute da Mosley e dalla Fia. Oggi, infatti, l’alta corte di Parigi ha respinto il ricorso d’urgenza partito da Maranello contro il nuovo regolamento che per la prossima stagione prevede l’entrata in vigore di un tetto agli investimenti, approvato dalla federazione internazionale senza tenere conto del parere delle scuderie. La casa del cavallino ne aveva chiesto il blocco. La Corte di Parigi ha invece bocciato l’urgenza del ricorso, ma non è entrata nel merito. Secondo i giudici “La Ferrari lo scorso 29 aprile avrebbe già potuto manifestare il proprio veto ai nuovi regolamenti”. Via libera, dunque, al taglio delle spese che tanto ha fatto infuriare la Ferrari e porterà in Formula 1 team inediti come Lola, UsF1, Prodrive. Per iscriversi al mondiale 2010 c’è tempo sino al 29 maggio, ma se nulla cambierà non ci saranno Ferrari, Renault e Toyota, auto e marchi che hanno fatto la storia dei Gran premi. E per Maranello sarebbe la prima volta dal 1950. La partita andrà avanti in questi giorni a Montecarlo, dove sono in programma riunioni tra i Costruttori che cercheranno proposte alternative da presentare a Mosley per il prossimo anno. Ma se non fosse possibile trovare un accordo fra tutte le parti coinvolte, la Ferrari – conferma in una nota ufficiale – non procederà all’iscrizione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC