in:

CALCIO B. Dopo Ancona, rientrano alcune pedine importanti nello scacchiere difensivo di Andrea Mandorlini: il Sassuolo può sperare.

Nella mole di segnali negativi che la trasferta di Ancona ha regalato alla settimana del Sassuolo, c’è però un dato positivo che suscita ottimismo. Si è infatti chiusa l’emergenza-difesa, un problema che di fatto è costato carissimo nella sconfitta del Conero. Nell’ultimo match infatti i neroverdi dovevano fare a meno di Andreolli, Girelli, Anselmi, Piccioni coi recuperi di Rea e Donazzan, messi forzatamente in campo come soluzione estrema all’emergenza. Ora Mandorlini può contare su più alternative in vista della gara contro il Livorno di sabato al Braglia. Innanzitutto c’è il ritorno dalla squalifica di Girelli e Anselmi: il primo espulso contro il Frosinone, il secondo ammonito e quindi appiedato dal giudice sportivo essendo in diffida. Quanto agli infortuni, il rientro di Rea e Donazzan è stato accelerato dalla situazione, anche se i due non hanno demeritato. Ancora out, anche per il prossimo incontro, è Andreolli che in settimana è rientrato in gruppo ma dovrebbe essere pronto per la gara di Brescia o, senza rischiare, per l’ultima giornata col Parma. Ultima assenza è quella di Piccioni, dolorante al ginocchio infortunato nella maledetta gara coi ciociari. Per lui l’impiego dovrebbe giungere, scongiuri a parte, solo nei playoff.


Riproduzione riservata © 2016 TRC