in:

Questa mattina al Mugello è stata presentata la nuova Ferrari che prenderà parte al prossimo campionato di Formula 1. Si chiama F60, è stata completamente ridisegnata nell’aerodinamica e sarà ancora una volta guidata da Raikkonen e Massa.

Si chiama F60, come le partecipazioni del Cavallino ai campionati del mondo, ed è la Ferrari che a partire dal 29 marzo, giorno del primo gran premio sul circuito di Melbourne, in Australia, darà la caccia ai titoli piloti e costruttori. La nuova rossa è stata presentata questa mattina al Mugello, dove la scuderia ha deciso di emigrare per il ghiaccio che impediva di utilizzare il circuito di Fiorano. Tolti i veli per telecamere e fotografi, la vettura è scesa subito in pista, per il giro di installazione che il brasiliano Felipe Massa ha compiuto alle 10,35. L’idea di far nascere la nuova Ferrari anche sul web ha incontrato non poche difficoltà. L’alto numero di tentativi di accesso al sito ufficiale ha infatti creato una sorta di intasamento e soltanto a metà mattina tutto è rientrato nella normalità. La F60 non è una evoluzione della F2009, ma un progetto completamente nuovo. Le pesanti modifiche al regolamento tecnico imposte dalla Fia, con limitazioni di aerodinamica, introduzione di nuove tecnologie come il Kers, il sistema di recupero dell’energia termica e meccanica, e la limitazione delle giornate di test, vietati durante il campionato mondiale, hanno impegnato a fondo gli uomini della Ferrari nella progettazione della nuova monoposto. L’intenzione della federazione internazionale è quella di migliorare lo spettacolo e favorire i sorpassi ed è su queste basi che è stata progettata la monoposto del Cavallino che sarà ancora affidata alla guida di Kimi Raikkonen e Felipe Massa. L’aerodinamica è stata completamente rivista, così come le gomme slick, proprio per agevolare i sorpassi. L’obiettivo, inevitabilmente, resta uno: vincere il titolo piloti e difendere quello costruttori.


Riproduzione riservata © 2016 TRC