in:

Si è corsa questa mattina la Maratona d’Italia, nell’anno del centenario di Dorando Pietri. Tanti gli appassionati al via, assieme agli atleti, e tanto pubblico ad assistere.

Due anni fa era arrivata seconda dietro ad Aniko Kalovics, questa volta si è imposta alla grande, vincendo non solo la gara, ma anche il titolo mondiale militare e il titolo italiano. Rosalba Console, 29enne di Martina Franca, ha chiuso la maratona in 2h30’44”, ad un anno e un giorno dalla nascita della sua prima figlia Francesca, avuta con il marito-maratoneta Daniele Caimmi. Alle spalle dell’atleta delle Fiamme Gialle si è classificata l’altra favorita, la cinese Yanan Wei, che ha perso contatto dall’azzurra al 29° km. Al terzo posto della maratona è arrivata Ivana Iozzia, mentre il bronzo mondiale militare è andato alla tedesca Romy Spitzmuller. Nella gara maschile si è imposto il keniano Ben Kipruno Chebet, che ha allungato ad un km dalla fine e ha tagliato il traguardo in 2h10’50”. Sul podio sono saliti anche i connazionali Kiptanui e Koech. Quarto posto, e titolo mondiale militare, per il polacco Adam Draczynski con il tempo di 2h12’21”. L’azzurro Alberico Di Cecco è arrivato quinto e ha vinto il titolo italiano. Ma a vincere non sono stati solo gli atleti: grande successo di pubblico per tutta la manifestazione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC