in:

Linea dura contro i tifosi violenti: basta un precedente, anche piccolo, che dimostri dissapori fra tifoserie avversarie per poter chiudere lo stadio agli ospiti. E appunto sabato solo i modenesi potranno entrare al Braglia per vedere Modena-Treviso.

La parola d’ordine è ‘stop alle violenze negli stadi’, quindi basta il sospetto che possano esserci disordini di qualunque natura per far scattare provvedimenti restrittivi. Sabato prossimo, 27 settembre, al Braglia si gioca Modena-Treviso, ma il prefetto ha disposto che verrà chiusa la curva ospiti. L’ordinanza impone che i biglietti per la partita possano essere venduti solo ai residenti della provincia di Modena. A motivare la decisione non una storica rivalsa tra le due tifoserie, ma un solo episodio. Nella partita Treviso-Modena del primo giugno 2008 un ultrà modenese e uno trevigiano arrivarono alle mani, ci furono lesioni, denuncie, e questo ha creato il precedente. Il timore è che l’episodio possa ingenerare sentimenti di rivalsa, che potrebbero sfociare in disordini. Quindi, stadio chiuso a metà. A suggerirlo l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, che ha segnalato il caso alla questura, che a sua volta ha interessato la prefettura. Da quando il Braglia è dotato di tornelli regolamentari è la seconda volta che si applica lo stop per gli ospiti, e la prima, il 24 novembre 2007, fu legata all’uccisione di un ultrà in autostrada, che aveva esacerbato gli animi, più che a problemi locali. Ma adesso, grazie alla linea dura contro i violenti, è probabile che il provvedimento venga adottato più spesso: già si parla di stadio chiuso ai modenesi nella partita del 4 ottobre Parma-Modena. Anche in questo caso Roma suggerisce l’intervento sempre per pregressi dissapori. Decisione che potrebbe avere ricadute su Sassuolo-Treviso, al Braglia lo stesso giorno, per il rischio che gli ultrà del Modena decidano di seguire l’altra squadra locale, non potendo andare in trasferta, e qui incontrare gli avversari trevigiani con cui esiste il precedente. Insomma, i tifosi sono avvertiti: ogni intemperanza farà chiudere una dietro l’altra le porte degli stadi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC