in:

Sono in viaggio per Pechino in queste ore i tre atleti modenesi che prenderanno parte alle Paraolimpiadi in programma dal 6 al 18 settembre.

Sono in viaggio per Pechino in queste ore i tre atleti modenesi che prenderanno parte alle Paraolimpiadi in programma dal 6 al 18 settembre. Cecilia Camellini, la sedicenne nuotatrice non vedente di Casinalbo è la più giovane atleta italiana in Cina e sarà anche “portabandiera” alla cerimonia di apertura. La Camellini nel giro di pochi anni è cresciuta moltissimo, ha vinto i campionati italiani per disabili nella categoria ciechi totali e oggi, alla vigilia di Pechino, ha la migliore prestazione mondiale sui 100 metri stile libero e la terza sui 50. Scenderà in vasca il 12 e il 14 settembre con le gare di 50 e 100 metri stile libero. Raggiunta telefonicamente, ha dichiarato di essere molto emozionata sia per l’esperienza agonistica, che per il fatto di rappresentare in nostro Paese nella cerimonia di apertura. In volo anche Fabio Azzolini, 39 anni di Casalgrande, costretto su una sedia rotelle a seguito di un incidente d’auto avvenuto nel 1993, pratica tiro con l’arco dal 2001. Nel 2002 ha vinto la medaglia d’oro ai Campionati italiani di tiro con l’arco per disabili indoor. Dal 2005 è parte del gruppo della Nazionale disabili e solitamente si allena a Modena sotto la guida del tecnico Pedrazzi. L’ultimo modenese, ma di adozione perchè studia in città, il reggiano di nascita Filippo Bonacini, classe 1984, studente della facoltà di Economia “Marco Biagi”, disabile. E’ uno dei fiori all’occhiello della squadra italiana paraolimpica di nuoto.


Riproduzione riservata © 2017 TRC