in:

Si è conclusa la spettacolare Olimpiade di Beijig 2008. 15 giorni di grande sport e molto altro. Anche Modena era a Pechino: ripercorriamo le prestazioni degli atleti geminiani.

Avventure e storie olimpiche, che si intrecciano alle vicende sportive nella manifestazione planetaria per eccellenza. Modena era a Pechino, c’erano i nostri atleti, c’era Stefano Baldini, l’ultimo a gareggiare, lui oro ad Atene, sempre con il suo allenatore il Professor Luciano Gigliotti, 12esimo a Pechino nella maratona dopo un periodo non semplice per alcuni infortuni. E’ stata la sua ultima olimpiade e la sua ultima maratona. Sempre nell’atletica c’era Elisa Cusma che ha chiuso raggiungendo una prestigiosa semifinale negli 800 metri, mentre nella finalissima è arrivato Filippo Campioli, specialità salto in alto. Sfortunata la prova di Matteo Villani: nelle batterie dei 3000 siepi il modenese si è fermato per una caduta ad uno degli ostacoli. Non è andata come probabilmente voleva a Natalia Valeeva: nel tiro con l’arco la modenese d’adozione è uscita presto sia nella prova a squadra che in quella individuale. E’ finita al 14° posto generale l’avventura a Pechino di Nicola Benedetti nel pentatlon moderno, il migliore tra gli italiani nella specialità. E troppo presto è finita anche la corsa ad una medaglia della nazionale femminile di pallavolo allenata dal modenese Massimo Barbolini: le azzurre puntavano in alto, ma nei quarti la strada si è interotta contro gli Stati Uniti.In campo maschile, sempre sotto rete, quarto posto per gli azzurri di Anastasi e Gardini, medaglia d’oro per l’americano neo acquisto della Trenkwalder Modena David Lee e d’argento per il brasiliano Murilo. Pechino e la magia Olimpica continua: tra qualche giorno iniziano le paraolimpiadi. Due i modenesi: nel tiro con l’arco Fabio Azzolini e Cecilia Azzolini nel nuoto e portabandiera della spedizione italiana.


Riproduzione riservata © 2016 TRC