in:

CICLISMO. Bruttissima notizia per lo sport e per il ciclismo modenese: Riccardo Riccò è stato trovato positivo ai controlli antidoping.

Questa proprio non ci voleva. La notizia che nessuno voleva dare è diventata realtà. Riccardo Riccò è stato trovato positivo al Cera – l’EPO di terza generazione – dopo un controllo a seguito della cronometro di Cholet al Tour De France.La lunga giornata del corridore di Formigine è cominciata giovedì mattina quando si sono rincorse le voci sulla sua positività, messe nero su bianco dall’Equipe. La certezza però è arrivata solo all’ora di pranzo quando uomini della Gendarmérie hanno prelevato Riccò dalla zona di partenza della Saulnier Duval. Le forze dell’ordine francesi lo hanno trattenuto per interrogarlo. L’assunzione di dopanti in Francia non è ovviamente reato, mentre per il traffico si rischia fino a 5 anni di carcere e 75000euro di multa. La Saulnier-Duval, squadra del modenese, si è ritirata dalla corsa in toto.Ora resta da capire cosa rischia Riccò dal punto di vista sportivo. La sua positività, al momento non è stata ratificata dall’UCI, la federazione internazionale.


Riproduzione riservata © 2016 TRC