in:

CALCIO B. Continua il toto-allenatore per il Sassuolo. Sono spuntati vari nomi per sostituire Massimiliano Allegri, passato al Cagliari: in prima fila, tra i tanti, anche l’ex allenatore del Modena, Stefano Pioli.

Tra i tanti sport estivi paralleli al calcio giocato, c’è anche quello del calcio-mercato, perchè può essere importante capire quel che sarà, magari sognare nel sentire nomi importanti accostati a quello dello propria squadra. Ma prima ancora di quei nomi di chi deve andare a calcare il proscenio, di chi deve regalare gol ed emozioni, serve il nome di chi deve guidare gli attori. E la prima fase del calciomercato estivo, di solito, è quella riservata al movimento degli allenatori. E il Sassuolo, neopromosso in serie B, cerca proprio questo. Un allenatore, possibilmente giovane, possibilmente in grado di mettere in campo quel 4-3-3 marchio di fabbrica societario, meccanismo conosciuto oramai a menadito dall’ossatura della squadra. E di nomi ce ne sono tanti che girano attorno ad una panca positiva, di quelle che possono darti molto e che ti permettono di lavorare senza pressioni eccessive. Ma chi sono questi nomi? Beh, in prima fila, senz’altro Brucato, Tesser, Gustinetti, Foscarini, Gregucci e Pioli, ex allenatore del Modena. Tutti, o quasi, tecnici giovani ma già con un’esperienza solida, che fanno giocare bene le loro squadre e che si integrerebbero alla perfezione con un ambiente caricato e positivo. Quello di Brucato, ora al Mantova, sarebbe un ritorno. Tesser è reduce dalla bruttissima mezza stagione al Mantova, Gustinetti è appena stato esonerato dalla conduzione del suo Albinoleffe dei miracoli, Foscarini cerca la B col Cittadella, Gregucci ha salvato il Vicenza mentre Pioli è risucito nell’impresa di salvare senza nessun patema un Grosseto inizialmente alle corde. Ognuno ha la sua idea, ognuno le sue preferenze, alla dirigenza l’onere di scegliere un buon condottiero. L’eredità di Remondina e Allegri è pesante, ma il futuro sembra roseo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC