in:

CALCIO SERIE C1. Il tecnico del Sassuolo, Allegri, ridisegna l’undici neroverde senza gli squalificati Selva, Donazzan, Benetti e Anselmi. Domenica al Ricci tappa determinante nella corsa alla B contro il Manfredonia.

Quattro assenze pesanti accompagneranno il Sassuolo nella partita di domenica contro il Manfredonia, al Ricci alle 15. Quattro nomi, quattro giocatori appiedati dal giudice sportivo dopo Legnano: Anselmi – Donazzan – Benetti – Selva, la spina dorsale, la propulsione sugli esterni e il terminale offensivo. Tutti fuori, ma la forza di questo Sassuolo, di chi l’ha costruito, plasmato, esce appunto adesso. Esce con assenze che l’anno scorso sarebbero state un rebus totale per Remondina, ma quest’anno no. Il Sassuolo può cambiare i fattori, gli attori, gli interpreti ma non cambiare lo spartito: ovvero, non cambiare pelle. Fuori Anselmi in mezzo alla difesa, entra Girelli e qui non cambia nulla. Fuori Donazzan e Benetti, spazio a Grimaldi con Consolini che andrà a destra. Fuori Selva, eccoti un tris di alternative assolutamente all’altezza del compito: da Masucci a Tiboni fino a Colussi. Allegri può scegliere, Remondina non poteva. Vorremmo fosse tutta qua la differenza con l’anno scorso. Anni simili, ma risultati diversi. In fondo, i neroverdi ci sono arrivati. Ora, dalla sfida col Manfredonia ed eventualmente da quella di Novara deve arrivare quel maledetto punto in più dagli avversari che l’anno scorso costò così tanto, la B.


Riproduzione riservata © 2016 TRC