in:

BASKET A2 FEMMINILE. Fine della rincorsa ai playoff per l’Acetum Cavezzo nel campionato di serie A2. Le piovre, che non potevano più sbagliare, hanno perso 61-60 in casa contro Udine. E i playoff diventano una chimera.

Se la corsa doveva finire, l’unica certezza era che l’Acetum avrebbe pagato pegno più alla stanchezza e alle ferite che alle avversarie. L’organico risicato, e ulteriormente ridotto all’osso dagli infortuni, è costato alle piovre la partita chiave nella rimonta al quarto posto. La sconfitta con Udine mette fine alle speranze di appaiare Crema al quarto posto. Un ko che è giunto sul finale dopo che pareva che l’Acetum avesse domato le friulane. Il 48-39 del terzo quarto è stato cancellato dall’infortunio di Franciosi, che ha obbligato Carretti a mettere in campo giocatrici fuori ruolo. L’alto minutaggio concesso ad alcune giocatrici "insostituibili" (Costi, Zanoli e Mandache) è costato in termini di lucidità. Cavezzo si è letteralmente disintegrata, sotto un parziale di 18-2 (50-57) prima di reagire nel finale, soprattutto coi nervi. La beffa del punto di distacco serve solo a rendere più amara la sconfitta. L’Acetum rimane a 34, Udine va a 36, mentre Crema mette un piede nei playoff a 38 (e con gli scontri diretti a favore). Rimane una stagione coraggiosa, oltre a tre partite accessibili. E magari da vincere. Sabato appuntamento a San Bonifacio, Verona.


Riproduzione riservata © 2016 TRC