in:

Il sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso, e Pietro Segata, presidente di Società Dolce, dopo aver incontrato le famiglie, ridimensionano il caso

Il sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso, e Pietro Segata, presidente di Società Dolce, dopo aver incontrato le famiglie, ridimensionano il caso scoppiato al nido la Meridiana, dove nel giorno del gay pride è stato introdotto dalle educatrici della cooperativa il tema delle differenze di genere. Una delle tante attività della giornata, riportate nel diario: <<Solo una famiglia si è lamentata, l’errore è stato di comunicazione>> dicono.
Nessun “gay pride con i bimbi”, quindi, ma una festa con i colori dell’arcobaleno durata un’ora, tra le 8.30 e le 9.30, in una fascia oraria che non prevede attività strutturata, ma l’accoglienza dei bimbi mano a mano che vengono accompagnati. Un’attività propedeutica, quindi, alla quale hanno partecipato solo una parte dei bimbi. Poi, dopo la colazione, sono stati letti ai bimbi due testi comunemente adottati nei servizi per l’infanzia del bolognese tra cui ‘Piccolo Uovo’ con illustrazioni di Altan.
Nessun provvedimento dunque, all’interno di una linea condivisa dal sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso, che sottolinea al massimo un errore di valutazione, attaccando chi, ed era stata l’opposizione in Comune, aveva chiesto di interrompere i rapporti con la cooperativa


Riproduzione riservata © 2018 TRC