in:

Il 15 settembre prossimo suonerà la campanella in Emilia-Romagna per oltre 548 mila alunni

Il 15 settembre prossimo suonerà la campanella in Emilia-Romagna per oltre 548 mila alunni frequentanti la scuola statale a cui si aggiungono circa 70 mila studenti della scuola paritaria.
Prendendo in esame le scuole secondarie di II grado, su base regionale, trova sostanzialmente conferma la tendenza degli anni precedenti: il 43,8% degli studenti dell’Emilia-Romagna frequenta i licei (in vetta il liceo scientifico con il 42% delle preferenze) mentre il 56,2% i tecnici-professionali (33,7% istituti tecnici e 22,5% istituti professionali).
Nella distribuzione in percentuale dei dati relativi agli indirizzi di tipo tecnico per settore prevale in modo significativo l’indirizzo tecnologico (60,4%).
Saranno 535 le istituzioni scolastiche statali attive sul territorio regionale (compresi 12 CPIA e 2 Convitti) che raccoglieranno un bacino di utenza-alunni di 548.859 unità. Le scuole paritarie invece per l’a.s. 2017/18 saranno pari a 996.
Aumentano anche gli alunni con handicap che passano dai 16.038 dell’a.s. 2016/17 a 16.544 (+ 3,1%). Saranno a breve disponibili i dati relativi agli alunni con cittadinanza non italiana che frequenteranno le scuole statali dell’Emilia-Romagna. Nell’a.s. 2016/17 gli studenti stranieri nelle scuole statali erano circa 90 mila, ovvero il 16,6% della popolazione scolastica totale.
Le classi funzionanti in Emilia-Romagna saranno 24.929, di cui 9.297 nella scuola primaria.
Su base provinciale, Bologna detiene il record regionale per classi funzionanti, saranno 5.232 (1.956 nella scuola primaria). Seguono Modena con 4.253 e Reggio Emilia con 3.091.
Al timone delle 535 istituzioni scolastiche statali distribuite sul territorio regionale saranno collocati 362 Dirigenti scolastici. Di questi 173 saranno impegnati, oltre che nel proprio istituto, anche nella reggenza di altre scuole.
Il contingente ministeriale assegnato all’Emilia-Romagna, per il personale docente, è pari a 51.749 posti. Su posto comune i posti assegnati sono 43.086, a cui si aggiungono 8.663 posti di sostegno. Nello specifico, 5.437 sono i posti di sostegno attribuiti dal Ministero e 3.226 quelli autorizzati in deroga dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale sulla base di esigenze documentate espresse dai Dirigenti scolastici, in ragione della Sentenza della Corte Costituzionale n. 80/2010.
Le scuole disporranno per l’a.s. 2017/18 di 14.320 unità di personale ATA (fra i quali collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici) con cui saranno garantiti il regolare svolgimento delle attività delle segreterie, la funzionalità delle aule e dei laboratori ed il funzionamento dei servizi scolastici.
E nell’augurare un buon anno scolastico a tutti gli studenti e a tutto il personale, ai ragazzi il direttore generale dell’ufficio scolastico regionale, Stefano Versari, ha voluto parlare anche di questi tempi di paura, odio, diffidenza. “Costruite solidi rapporti intorno a voi, a partire dai vostri compagni di classe. Amicizie concrete, in carne e ossa.
Relazioni reali, non virtuali, né immaginarie – ha suggerito agli studenti – Ripensate al rapporto con i vostri genitori, anche se oggi vi possono sembrare più che altro una utility (casa, soldi, cibo). Padre e Madre sono la nostra radice. Pur imperfetti e fallibili, come ogni umano, sono dentro di noi per il loro abbraccio, che ci permette di volare.
Anche i vostri Insegnanti sono persone che abitano questo mondo di paure e che – nella maggior parte dei casi – cercano di fare con voi del loro meglio. Pensate che molte volte apparite loro come degli UFO caduti qui da chissà dove. Sono convinto che anche voi, a volte, vi sentiate così: degli UFO caduti qui per caso. È la sensazione di tutti gli adolescenti, perché l’adolescenza è il tempo in cui prevale l’inquietudine della ricerca. Quale che sia la vostra età e quale che sia la consapevolezza della realtà che portate dentro di voi, fate di questo mondo la vostra casa. Il futuro sarà vostro quando non direte mio, ma direte nostro”.


Riproduzione riservata © 2017 TRC