in:

Presentata oggi a Bologna una nuova iniziativa della Gilda a supporto dei docenti: uno sportello d’ascolto gestito da uno psicologo

L’insegnante? Una professione ad alto rischio di stress, secondo Gilda, che oggi a Bologna ha annunciato l’attivazione di uno sportello d’ascolto a supporto del personale docente delle scuole cittadine. Lo sportello sarà attivo da gennaio e verrà gestito da uno psicologo. SI tratta di uno strumento “gratuito ed anonimo”, come ha spiegato il referente della Gilda di Bologna, Giovanni Cadoni, che successivamente potrà svilupparsi in corsi di formazione e aggiornamento per gruppi. Del progetto si occuperà Eleonora Motta, psicologa e psicoterapeuta. Parlando con gli insegnanti “riscontro innanzitutto un senso di enorme solitudine”, spiega Motta. Lo sportello “ovviamente non è pensato come uno spazio terapeutico ma di ascolto”, continua la psicologa: un’occasione per trovare una persona che “proverà a starvi al fianco per aiutarvi a trovare e sperimentare strategie per la soluzione dei problemi”. Una “scommessa importante”, la definisce Renza Bertuzzi, responsabile di “Professione docente”, il mensile della Gilda: un progetto che “va nella direzione di considerare gli insegnanti come attori del cambiamento e non solo oggetto di qualcosa che subiscono”.

 

Uno spaccato sul tema lo ha poi fornito Vittorio Lodolo D’Oria, medico del lavoro e autore di diverse pubblicazioni sullo stress da lavoro correlato dei docenti, tra cui “Pazzi per la scuola”. Secondo il medico gli insegnanti rappresentano una categoria che svolge un lavoro “psicofisicamente usurante” e, dunque, risulta “fortemente a rischio”. Tutto ciò in barba ai “maledetti stereotipi”, ha concluso D’Oria: più che dei famosi “tre mesi all’anno di vacanza”, bisognerebbe parlare di vera e propria “convalescenza”.
Tanti gli interventi da parte dei docenti intervenuti all’assemblea che hanno lamentato, tra l’altro, l’aggressività di alcuni genitori e lo stress causato dall’introduzione del registro elettronico.


Riproduzione riservata © 2018 TRC