in:

Da Bologna una nuova tipologia di test allergologici non invasivi per bambini: basterà una goccia di sangue per capire se i piccoli pazienti soffrono di qualche forma allergica

Un microchip arricchito da particolari nanoparticelle che sono in grado di rilevare la presenza e la tipologia di eventuali allergie a partire dal comportamento delle cellule ematiche. Si tratta di un test allergologico di nuova generazione non invasivo rivolto in particolare ai pazienti più piccoli. E’ quanto sta portando avanti un gruppo di ricercatori dell’Università di Bologna coordinati dal professore Luca Gentilucci. La novità del progetto, chiamato IntegrAL, è che basta una goccia di sangue per capire in pochi minuti se i piccoli pazienti soffrono di qualche forma allergica. Le risposte allergiche nascono da una reattività eccessiva del nostro sistema immunitario scatenata dal contatto con una sostanza esterna, l’“allergene”. Che siano pollini, specifici alimenti o particolari composti chimici, ad allergeni diversi corrispondono risposte immunitarie diverse.


Riproduzione riservata © 2018 TRC