in:

Intervento al Rizzoli di Bologna, la paziente sta bene

È la prima volta in Italia: all’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna due terzi dello sterno e parte di sei costole sono stati sostituiti da un impianto in lega di titanio stampato in 3D. L’intervento, il primo in Italia, è stato eseguito lo scorso maggio ad una paziente di 27 anni, affetta da un tumore rarissimo allo sterno. Ad eseguire l’operazione il dottor Michele Rocca e la sua equipe.

La paziente oggi sta bene e a cinque mesi dall’intervento è tornata a una vita normale. Insieme alla protesi in titanio, a stretto contatto con cuore e polmoni, sono state impiantate una fascia tendinea proveniente dalla Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico del Rizzoli, che conserva e distribuisce oltre il 50% del tessuto da donatore usato in tutta Italia, e una protesi di sintesi.
L’intervento è stato presentato oggi a Bologna come un traguardo importante non solo per il Rizzoli ma per la medicina.


Riproduzione riservata © 2018 TRC