in:

“Non è possibile che a poche settimane dall’avvio dell’anno scolastico si proceda a tentoni”. Stefano Bonaccini torna all’attacco

“Non è possibile che a poche settimane dall’avvio dell’anno scolastico si proceda a tentoni”. Stefano Bonaccini torna all’attacco sul tema delle vaccinazioni, prima con un post in cui invita la Ministra della Salute Giulia Grillo a fare ordine nei molti annunci contraddittori degli ultimi tempi, onde evitare “il caos”, e poi nei commenti sottostanti, riscrivendo la cronistoria di una fase complessa e giuridicamente poco chiara. “Prima dice che serve l’obbligo” scrive il Governatore, “poi che basta l’autocertificazione (senza spiegare chi controllerebbe e quali sanzioni applicare. Poi che si utilizzerà l’obbligatorietà flessibile, che è un ossimoro” chiude all’attacco Bonaccini, che poi battaglia con una sostenitrice dei Cinque Stelle ribadendo quanto già detto dai prèsidi ricevuti in Ministero nei giorni scorsi. L’ultimo tema di dibattito è la cosiddetta gerarchia delle fonti, esposta alla Ministra proprio dai dirigenti scolastici: una legge come quella firmata da Beatrice Lorenzin, che estendeva l’obbligo vaccinale a tutta Italia dopo il primo passo compiuto in Emilia-Romagna, non può essere superata attraverso una circolare come quella diffusa da Giulia Grillo per introdurre l’autocertificazione. Insomma, a monte della volontà politica, arriva la legge a stoppare il passo indietro del Governo sulle vaccinazioni obbligatorie. Che la Regione non intende perdere, come annunciato da tempo, avendo già annunciato di essere intenzionata a proseguire sulla strada intrapresa.


Riproduzione riservata © 2018 TRC