in:

“Vaccinare i propri figli è un fatto di responsabilità dei genitori, per tutelare i loro bambini ma anche la salute degli altri”, l’appello dei medici

Il timore è che, sull’onda delle varie prese di posizione a livello politico, si faccia un passo indietro sull’obbligo vaccinale. “Vaccinare i propri figli è un fatto di responsabilità dei genitori, per tutelare i loro bambini ma anche la salute degli altri che frequenteranno la medesima classe” ribadisce Nicolino D’Autilia, dell’Ordine dei medici europeo. “Perché – ricorda il medico – i bambini immunodepressi sono molti di più di quanto si possa immaginare, bambini che non possono essere vaccinati e che, dunque, per andare a scuola in sicurezza necessitano che i loro compagni facciano da scudo alle malattie infettive”. Lo hanno ribadito, in un accorato appello ai parlamentari, anche le mamme di questi bambini, che bollano come scellerata la decisione di “congelare” la legge 199 che prevede l’obbligatorietà delle vaccinazioni per accedere ai servizi educativi 0-6. “Mi ritrovo ancora una volta a dover intervenire sul tema delle vaccinazioni, che da strumento di prevenzione primaria si sono trasformate in strumento di lotta politica – ammette preoccupato D’Autilia – il rinvio dell’obbligo sui vaccini rischia di determinare un danno enorme alla salute dei più fragili”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC