in:

E’ morta oggi, all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, la neonata di un mese e mezzo ricoverata a causa delle meningite. Una tragedia che adesso rischia di diventare anche un caso giudiziario.

Quando i genitori l’hanno portata al Sant’Orsola era già in condizioni critiche. Diagnosi: una grave forma di meningite. Poche ore dopo il ricovero la neonata era entrata in coma e i medici da subito avevano dato poche speranze. Oggi la piccola di appena 40 giorni è morta per un improvviso peggioramento del quadro clinico. I genitori nei giorni scorsi avevano annunciato un’azione legale contro un altro ospedale, il Maggiore, dove la madre aveva portato la bimba in preda alla febbre molto alta. Dopo una visita al pronto soccorso le era stata diagnosticata una semplice influenza ed era stata dimessa. Tornata a casa, un ulteriore peggioramento e la corsa al Sant’Orsola. La direzione del Maggiore aveva diffuso una nota per precisare che la valutazione clinica effettuata era stata scrupolosa e approfondita e non c’era alcun segno che facesse sospettare, in quel momento, una patologia così grave. La Procura di Bologna, intanto, ha aperto un’inchiesta contro ingnoti per omicidio colposo. Un atto dovuto – ha specificato il procuratore aggiunto Valter Giovannini – per svolgere gli opportuni accertamenti medico legali.


Riproduzione riservata © 2017 TRC