in:

Sfiduciato il sindaco di Guglia. Alla base di questa decisione, la vicenda legata alle scuole di Roccamalatina, dichiarate inagibili

Dimissioni in blocco di 8 consiglieri su 12 a Guiglia, il Comune si avvia così verso il commissariamento. A far cadere la giunta di centrodestra del sindaco Monica Amici, riconfermata nel 2014, è stata l’annunciata chiusura della scuola di Roccamalatina perché non sicura. Una decisione, arrivata con un colpevole ritardo di 4 anni, secondo i consiglieri dimissionari e soprattutto dopo che era stata nascosta all’assemblea una perizia che già nel 2013 metteva nero su bianco tutte le criticità antisismiche del plesso scolastico rimasto in funzione da allora. Una vicenda che ha causato una rottura insanabile nella maggioranza, così quando il sindaco Amici, sollecitata dall’opposizione, ha rifiutato di dimettersi, a fare un passo indietro sono stati i consiglieri che non fanno parte della giunta, sfiduciando così di fatto l’operato del primo cittadino. Monica Amici, difende il suo operato, svolto in conformità alla norme vigente. Secondo Iacopo Lagazzi, capogruppo di Insieme si cambia è invece venuta a meno trasparenza e fiducia. A guidare il comune arriverà così un commissario, proprio come accadde alla vicina Vignola a inizio anno, quando la Lega fece mancare il suo sostegno alla giunta mista civica e di centrodestra di Smeraldi.


Riproduzione riservata © 2017 TRC