in:

Immediate le reazioni: accuse dalla sinistra, plauso dalla destra. E il sindaco ricorda che lo sgombero lo ha deciso la magistratura

Atto d’accusa, contro lo sgombero di questa mattina dell’edificio di via Orfeo occupato cinque anni fa da Labas, da parte di Sinistra italiana. Anche l’Arci dice che: “Non dovevano sgomberare Labas. È un gravissimo errore, un nuovo strappo al tessuto sociale e culturale della città”. Il centrodestra, invece, esulta: “Dopo anni di attesa e di proteste da parte dei cittadini, finalmente l’ex caserma Masini, diventata abusivamente sede di Labas, viene sgomberata”. Per l’ex assessore comunale Andrea Colombo, oggi consigliere comunale a Palazzo D’Accursio, in questa vicenda la politica è mancata.

“L’intervento di questa mattina delle Forze dell’Ordine sui due immobili di via Orfeo e via della Cooperazione segue ad un’autonoma attività della Magistratura sulla quale, nel rispetto dei ruoli e della lealtà tra Istituzioni, non ho titolo per interferire – ha dichiarato il sindaco Virginio Merola – Ho sempre detto e lo ripeto anche questa mattina che le attività condotte all’interno del centro sociale Làbas meritano attenzione perché sono attività importanti rivolte a fasce della popolazione come i giovani, i bambini e i più deboli. Auspico quindi che si riesca ad avviare un percorso per trovare una soluzione alternativa per il centro sociale, percorso nel quale il Comune di Bologna già da tempo è pronto a fare la sua parte”.


Riproduzione riservata © 2017 TRC