in:

Dimissioni irrevocabili per Antonio Orienti, assessore alla pubblica istruzione e Giorgio Barbieri, con delega alle politiche sociali e sport, in aperto dissenso con ulteriori tagli al bilancio comunale. Silenzio stampa da parte del sindaco Luca Caselli

Terremoto in giunta a Sassuolo. Questa mattina si sono dimessi gli assessori Antonio Orienti, responsabile all’istruzione e ai lavori pubblici, e Giorgio Barbieri, alla guida di sport e servizi sociali. Entrambe, scrivono nella lettera inviata al sindaco Luca Caselli, non se la sentono di firmare un bilancio che prevede, per i prossimi anni, tagli da 250mila euro nei settori di loro competenza. Tagli che però hanno avuto ieri il via libera della commissione bilancio e che dovranno passare in consiglio venerdì prossimo. E’ questo l’appuntamento cui guarda il primo cittadino, che ha anche deciso con una nota stampa e un messaggio sui social di rimanere in silenzio stampa fino a quel voto.

 

Nel frattempo però Caselli denuncia un clima di veleni all’interno della propria maggioranza: “Sono io -scrive- il vero obiettivo”. Nell’assemblea comunale il sindaco è rimasto con una maggioranza risicata di appena un voto e potrebbe quindi essere fatale il no o anche l’assenza di un solo consigliere. Da ricordare che il bilancio pluriennale su cui si abbattono i tagli, complessivamente per circa 3 milioni di euro, è stato compilato con logiche prudenziali. Il comune non vuole cioè trovarsi senza fondi nella malaugurata ipotesi di un fallimento di sgp. Per la società pubblica, ricordiamo, è stato chiesto il concordato in continuità e si attende, nell’anno nuovo, una decisione da parte del tribunale fallimentare.


Riproduzione riservata © 2018 TRC