in:

Il presidente della Circoscrizione 4 di Modena giorni fa aveva esternato la sua rabbia su Facebook. Chiede prima di tutto al suo partito, il Pd, di fare chiarezza

Qualche giorno fa aveva fatto scalpore su Facebook un suo post al veleno sulla vicenda delle spese pazze in Regione. Si chiama Alberto Cirelli, è un imprenditore reggiano ma fa il presidente di circoscrizione a Modena, nella circoscrizione 4: un’area da oltre 50mila abitanti, molti dei quali indignati per i rimborsi fuori controllo dei vari esponenti del consiglio regionale. Eletto in quota Pd, Cirelli ha scelto di non guardare in casa d’altri invitando il proprio partito a fare chiarezza.

 

Nel frattempo, attorno alla vicenda si scrive un nuovo capitolo ogni giorno. Ieri, lo sfogo del governatore Vasco Errani al vertice su disoccupazione e burocrazia nelle zone terremotate: “Occorre chiarezza” ha detto, “ma bisogna accertare i fatti e non le indiscrezioni”. Domani, i radicali manifesteranno davanti alla sede dell’Assemblea Regionale per chiedere le dimissioni dello stesso Errani e di tutti i consiglieri. Cirelli non reclama dimissioni, semmai un gesto politico che arrivi prima degli esiti delle indagini, non dopo.


Riproduzione riservata © 2018 TRC