in:

All’indomani del “Pighi bis” si continua a discutere su cosa cambierà rispetto alla prima parte di legislatura

Fatta la nuova Giunta, con l’ingresso nell’esecutivo di Boschini e Giacobazzi e il reintegro di Sitta all’Economia, ci si interroga sulla portata e sugli effetti della manovra del sindaco Pighi. Sarà cambiamento vero rispetto alla prima parte di legislatura, in ossequio alle nuove esigenze emerse con la crisi economica, o si porterà avanti il lavoro seguendo pedissequamente il solco già tracciato? Per cercare di risolvere il dilemma converrà forse ripartire dal successore di Sitta all’Urbanistica, quel Gabriele Giacobazzi, ingegnere con 30 anni di esperienza ai vertici della cooperativa Politecnica, un tecnico alla sua prima volta in giunta. “I progetti che Sitta ha già avviato – ha detto Giacobazzi – non saranno interrotti, mentre verranno abbandonati quelli che non possono proseguire per mancanza di risorse. La vera discontinuità – ha aggiunto – è nella crisi economica. Non amo gli slogan e non ho nulla contro gli ambientalisti”.   


Riproduzione riservata © 2018 TRC