in:

Incandescente riunione in sede al Pd nel corso della quale il Sindaco Pighi ha presentato la nuova giunta

Giuseppe Boschini, che resterà segretario cittadino del Pd di Modena, nuovo assessore al bilancio e vicesindaco; Gabriele Giacobazzi di Politecnica, responsabile nazionale degli ingegneri e degli architetti di Confindustria, nuovo assessore all’urbanistica, alla gestione del territorio e alle infrastrutture; Daniele Sitta all’economia e al centro storico. Sono queste le principali novità di uomini e di deleghe della nuova Giunta di Modena, presentata dal Sindaco Pighi nel corso di un’infuocata riunione pomeridiana presso la sede del Pd e approvata dalla direzione del partito con tre astensioni e un voto contrario. La presentazione ufficiale della squadra scelta dal primo cittadino per completare la legislatura avverrà invece solo domani mattina (11.30), dopo l’ennesima giornata di crisi segnata da riunioni febbrili e grande tensione. Tutto è iniziato ieri a tarda sera quando l’assemblea cittadina degli iscritti di Sinistra ecologia e libertà ha bocciato l’accordo raggiunto, solo il giorno prima, per entrare in Giunta con un proprio rappresentante. A determinare il cambio di rotta repentino, che ha spiazzato il sindaco Pighi e il Pd, sbugiardando anche chi, come l’assessore in pectore Gianni Ballista e il segretario cittadino Cristian Favarin, aveva partecipato alle riunioni di maggioranza dei giorni scorsi, la decisione del primo cittadino di non accettare le dimissioni di Daniele Sitta. “La situazione – ci ha detto stamattina Gianni Ballista – è mutata radicalmente nel giro di qualche ora e l’assemblea del partito ha ritenuto che non ci fosse sufficiente discontinuità, decidendo così di non entrare in Giunta”. Nel comunicato stampa ufficiale del partito si sottolinea invece come Sel continui a credere nell’alleanza di centrosinistra, ma lavori da oggi “per le elezioni del 2014 anche attraverso le primarie”. Una decisione che evidenzia come anche tra i vendoliani di Modena ci siano posizioni e strategie differenti, fosse anche solo per singole aspirazioni individuali. E così la palla “avvelenata” è tornata al Sindaco Pighi e al Pd, che però stavolta non hanno perso tempo. Dopo una mattinata di incontri, soprattutto per cercare di convincere il segretario Boschini ad accettare l’incarico di governo, alle 16.30 il primo cittadino è entrato nella sede provinciale del Pd, per discutere della situazione con i vertici del partito. La riunione finisce pochi minuti prima delle 21. Il direttivo del partito ha dato il via libera alla giunta, con tre astensioni e un voto contrario. La crisi di giunta è finita, quella politica del centrosinistra modenese, e in particolare del Pd, è ancora troppo presto per dirlo.  


Riproduzione riservata © 2018 TRC