in:

Il presidente dell’assemblea legislativa dell’Emilia Romagna lancia l’appello

Nel pieno della bufera giudiziaria che sta travolgendo la Lega Nord e il suo storico leader Umberto Bossi, si torna a discutere di modificare le norme sul finanziamento dei partiti, per altro già bocciate dagli italiani con un referendum. E se i principali leader politici puntano su una maggior trasparenza e su maggiori controlli, c’è chi ha posizioni decisamente più forti, come  il presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, Matteo Richetti. Secondo cui “il finanziamento pubblico ai partiti va abolito perché ormai, più che ai partiti, serve per finanziare la partitocrazia”. Posizione chiara, postata su Facebook, ma il politico modenese va oltre e sottolinea come “il ritorno al finanziamento volontario, che ha consentito a Obama di andare alla Casa Bianca, tornerebbe a creare un legame diretto tra partiti e cittadini”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC