in:

Sabato il congresso, con un occhio ai problemi della Lega nord

Questione etica al centro, per ripartire dopo lo scandalo-tessere. Bipolarismo-sì, ma a certe condizioni. Michele Barcaiuolo il volto giovane, Luca Caselli quello vincente: la lista Barcaiuolo-Righini, sabato al congresso del PdL, proverà a conciliare l’inconciliabile, vale a dire il sèguito del senatore Giovanardi e quello della “pasionaria” Bertolini, in aperta rottura da quando proprio la questione etica è diventata il nervo scoperto. L’immagine più calzante nel tentativo di compromesso in corso è rappresentata dal numero di candidati: tanti. La lista neonata tenterà di fare sistema e, soprattutto, di coinvolgere maggiormente la propria base. Nella serata di ieri l’occhio del PdL è caduto inevitabilmente sugli speciali di Porta a Porta e La7 sul tracollo della Lega Nord, sull’adunanza di Bergamo e sui nuovi scenari di un partito che può tornare ad essere il principale alleato in sede elettorale.


Riproduzione riservata © 2018 TRC