in:

Sarà dedicata a un tema quanto mai caldo, la scuola, la festa provinciale del Pd. Dal 25 agosto

Dal 25 agosto al 19 settembre, ogni giorno un’iniziativa diversa per dibattere sulla scuola con i maggiori protagonisti, politici e non solo, dell’Italia di oggi. Ritorna a Ponte Alto la Festa del Pd di Modena, quest’anno in veste nazionale e con un tema, quello dell’istruzione e della formazione, da cui prender le mosse per un’analisi e una riflessione a largo raggio sui  problemi della società contemporanea. Tra gli ospiti attesi in città, tutti o quasi i leader nazionali del partito, da Bindi a D’Alema, da Letta a Bersani, oltre al segretario Cgil Susanna Camusso, al ministro Mara Carfagna e all’iraniana premio Nobel per la pace, Shirin Ebadi.Tutto il programmaSi terrà a Modena, dal 25 agosto al 19 settembre, nell’area di Ponte Alto, la Festa nazionale del Pd dedicata alla scuola. “Abbiamo scelto Modena – spiega Francesca Puglisi, responsabile nazionale scuola del Pd – perché è in questa città e in questa regione che amministratori locali lungimiranti hanno deciso da sempre che l’investimento in istruzione, anche in tempi di crisi economica, è un fattore strategico per la crescita sociale e fattore di sviluppo dell’intera comunità”.Hanno assicurato la loro presenza i massimi dirigenti nazionali del Pd. Si comincia con il vicesegretario Enrico Letta, sabato 27, che assieme al segretario provinciale Davide Baruffi sarà intervistato dal direttore della Gazzetta di Modena Antonio Ramenghi. Domenica 28 sarà la volta di Piero Fassino, assieme al sindaco di Modena Giorgio Pighi, al neo-sindaco di Trieste Roberto Cosolini e al sociologo Aldo Bonomi. Tema della serata: il “vento del Nord”. Martedì 30 il segretario Pierluigi Bersani parlerà alle 21 dal palco dell’Arena sul lago. Sarà quindi la volta di Vasco Errani (domenica 4 settembre) e Walter Veltroni (mercoledì 7 settembre). Dario Franceschini, assieme al segretario regionale Stefano Bonaccini, sarà intervistato giovedì 8 dal neo-direttore de l’Unità Claudio Sardo. Anna Finocchiaro e Francesca Puglisi saranno intervistate venerdì 9 da Dario Di Vico del Corriere della Sera. Massimo D’Alema arriverà alla festa martedì 13; Rosy Bindy giovedì 15 per discutere di etica e politica assieme al magistrato Raffaele Cantone.Sabato 10 settembre sarà ospite della Festa il segretario generale della Cgil Susanna Camusso. Discuterà di lavoro e sviluppo assieme a Stefano Fassina, responsabile Lavoro ed Economia del Pd, e Giuliano Poletti, presidente nazionale di Legacoop. Il presidente nazionale di Confartigianato, Roberto Guerrini, parteciperà il primo settembre a un dibattito sulla riforma fiscale con il sen. Giuliano Barbolini e il vicesindaco di Bologna Silvia Giannini.Tra le iniziative dedicate alla scuola da segnalare l’incontro di mercoledì 14 settembre con l’iraniana Shirin Ebadi, la prima donna musulmana a ricevere, nel 2003, il Premio Nobel per la Pace. Discuterà con Ignazio Marino di pace e diritti nella scuola.A rappresentare il governo ci saranno quest’anno il ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna e il sottosegretario alle Politiche per la famiglia Carlo Giovanardi. Il ministro parteciperà, sabato 3 settembre, a un dibattito con l’on. Anna Serafini, responsabile del forum nazionale infanzia e adolescenza del Pd. Al centro della serata la nuova legge sul garante nazionale. Giovanardi discuterà di famiglie e crisi con il responsabile del forum welfare del Pd Giuseppe Fioroni e la responsabile del Programma Pd di Modena Maria Cecilia Guerra, intervistati dal vicedirettore del Carlino Beppe Boni. Appuntamento martedì 6 al Palaconad.Lo spazio partito ospiterà quest’anno “Happy Our”, un ciclo di conversazioni su politica, tecnologia e comunicazione. Appuntamento fisso alle 19, quasi tutti i giorni. Si parte venerdì 26 con Thomas Casadei, consigliere regionale del Pd e Tamara Nart, segretaria del circolo Pd di Camposanto.Molto spazio sarà dedicato ai libri, dalla letteratura alla saggistica, dall’attualità politica alla poesia. Una quarantina i titoli che saranno presentati dai rispettivi autori. Tra i tanti Giuseppe Caliceti, Giancarlo Benatti, Donatella Campus, Luigi Guicciardi, Ugo Cornia, Lea Melandri, Franco Frabboni, Michele Smargiassi, Valerio Massimo Manfredi.Da segnalare, domenica 11 settembre, “A dieci giorni da Ground Zero”, una riflessione su occidente, terrorismo e globalizzazione con Lapo Pistelli, responsabile Esteri del Pd, David Sassoli, capogruppo Pd al Parlamento europeo, Luciano Vecchi, consigliere regionale del Pd e Lucio Caracciolo, direttore di Limes.Viene riproposto anche quest’anno il laboratorio di Officina democratica, riservato a chi vuole cimentarsi con i nuovi “linguaggi e metodi di comunicazione”, dai blog ai social network alla web tv. Tutti gli incontri (4, 10, 16 e 18 settembre) si terranno alle 19 nello spazio Happy Our.Ricco il cartellone degli spettacoli. Tra i tanti appuntamenti i concerti di Raf (1 settembre), Mario Biondi (11 settembre), Stadio (15 settembre) e Blonde Redhead (10 settembre), un gruppo americano di indie rock affermatosi in questi anni sulla scena musicale internazionale. Molto spazio al cabaret con Paolo Hendel, Raul Cremona, Giacobazzi, Paolo Cevoli, Duilio Pizzocchi. Domenica 18 settembre concerto dei Modena City Ramblers per la scuola. Con loro sul palco anche il “papà” di Bobo Sergio Staino.Tra le mostre da segnalare “Dies Irae”, la prima retrospettiva dedicata al lavoro del fotogiornalista Paolo Pellegrin. Oltre 200 immagini che raccontano storie a volte dure, anche tragiche, come la guerra, la prigionia, i disastri ambientali; e ancora “Attimi di storie”, di Luciano Bovina, fotografo e documentarista che dal 1983 al 1990 ha fatto parte della troupe di Jonathan Dimensione Avventura, la trasmissione condotta da Ambrogio Fogar.Imponente, come sempre, il servizio pasti della Festa che potrà contare quest’anno su 15 ristoranti per complessivi 4200 coperti. A questi vanno aggiunti 5 punti di ristoro, 4 bar e una pizzeria. Tra le novità il ristorante brasiliano e la tigelleria.    


Riproduzione riservata © 2018 TRC