in:

Approvata a tempo di record, la manovra finanziaria deve già superare i primi ostacoli. E’ infatti scontro sui nuovi ticket sanitari.

“Una manovra sbagliata, che colpisce i servizi, le persone e le famiglie. Che non ha politiche di crescita e politiche di lavoro”. Così Vasco Errani, presidente della Regione Emilia Romagna, dalla Festa del Pd di Gorzano di Maranello ha commentato la finanziaria approvata ieri in tempi record e promulgata a stretto giro dal presidente Napolitano. Una delle misure più impopolari della manovra è senza dubbio quella sui ticket sanitari (10 euro sulla diagnostica e 25 sui ricorsi impropri al pronto soccorso), già divenuta terreno di scontro. Alcune regioni, la nostra in testa, hanno annunciato il congelamento del nuovo balzello. In Emilia Romagna viene già applicato un ticket come dissuasione per le richieste non urgenti ed è stato ribadito che non verrà aumentato. Errani ha spiegato: “Abbiamo deciso di sospendere i costi aggiuntivi sulle specialistiche. Nelle prossime due settimane cercheremo altre strade, per trovare vie più eque a fronte di una scelta sbagliata e dannosa per i cittadini e il servizio sanitario fatta da Governo”. Ma il problema del paese – insiste Errani – è l’attuale Governo, che non ne favorisce la crescita e lo sviluppo. Da uomo di partito non ha alcun dubbio, bisogna andare alle elezioni.


Riproduzione riservata © 2018 TRC