in:

Sindaci contro la manovra: consegnati due alberi al prefetto. "Non fate seccare i Comuni, linfa vitale per il paese e la democrazia".

Stamattina oltre cento sindaci dell’Emilia Romagna hanno protestato per le vie di Modena con le fasce tricolori addosso contro la manovra finanziaria del Governo. E al prefetto Basile hanno poi consegnato due alberi come monito a non far seccare i Comuni “linfa vitale – hanno detto – per il Paese e la democrazia”. Alla protesta hanno partecipato anche amministratori del centrodestra, mentre il consigliere regionale del Pdl, Andrea Leoni, giudica irresponsabile la manifestazione e il sindaco di Sassuolo Luca Caselli aveva abbandonato l’assemblea straordinaria dell’Anci, svoltasi al San Carlo, criticando gli interventi di alcuni suoi colleghi “comizi politici – ha detto – con la fascia tricolore”. Non certo quello che avevano detto il Sindaco di Modena, Giorgio Pighi, e quello di Reggio Emilia, Graziano Del Rio, aprendo i lavori dell’assemblea dell’Anci, che ha poi eletto alla presidenza regionale dell’associazione, il primo cittadino di Imola, Daniele Manca. Nei loro interventi, Pighi e Del Rio hanno evidenziato gli effetti della manovra sull’economia reale, sui cittadini e le famiglie, in particolare quelle più esposte alla crisi, sui servizi e sulle possibilità di promuovere politiche di sviluppo e di miglioramento della qualità della spesa pubblica. A concludere i lavori, il presidente della Regione, Vasco Errani, che nel suo impegno ha ribadito la disponibilità degli enti locali a partecipare al risanamento del debito pubblico: “Ognuno deve fare la sua parte – ha detto Errani – ma secondo le sue possibilità. Non è equo, saggio e giusto chiedere a Regioni, Province e Comuni di accollarsi la gran parte dei tagli e non toccare i bilanci dei Ministeri”.


Riproduzione riservata © 2017 TRC