in:

Come previsto il sindaco Campedelli ha accettato le dimissioni dell’assessore Miria Ronchetti, dopo l’infelice frase postata su Facebook. Sul caso interviene anche il Vescovo Elio Tinti.

Mancava solo l’ufficialità ed è arrivata questa mattina. A Carpi, il sindaco Enrico Campedelli ha riunito la giunta e, dopo una breve discussione, è stato deciso di firmare il mandato di revoca nei confronti dell’assessore Miria Ronchetti che, venerdì scorso, aveva dovuto presentare le proprie dimissioni. A rendere inevitabile la sequenza di avvenimenti che hanno portato all’uscita dalla giunta dell’avvocato Ronchetti, una frase infelice apparsa sulla pagina di Facebook dell’assessore che appaiava la posizione della Chiesa sulla pillola abortiva e le polemiche sui casi di pedofilia. Almeno al momento, tutte le deleghe dell’ormai ex assessore sono state assunte ad interim dal sindaco Campedelli: sono quelle al sociale, alla sanità, alla casa, all’immigrazione e al volontariato. Temi di spessore, soprattutto in un momento difficile come quello attuale. Si può quindi pensare che il primo cittadino non potrà occuparsene a lungo in prima persona, ma, almeno al momento, non è stato individuato un possibile nuovo candidato all’ingresso in giunta. Atteggiamento condivisibile, quello del sindaco, dice il vescovo di Carpi: “Rispetto e tolleranza – conclude monsignor Elio Tinti – devono guidare chi opera nelle istituzioni”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC