in:

La direzione provinciale del Partito democratico ha licenziato ieri sera le proposte di candidatura per le prossime elezioni regionali. Otto i nomi che saranno sottoposti al giudizio degli iscritti.

La direzione provinciale del Partito democratico ha licenziato ieri sera le proposte di candidatura per le prossime elezioni regionali. Otto i nomi che saranno sottoposti al giudizio degli iscritti: Stefano Bonaccini, Giancarlo Muzzarelli, Matteo Richetti, Palma Costi, Giulia Morini, Luciano Vecchi, Maurizio Maletti e Franco Bertoli, noto sportivo e presidente del Coni di Modena. La direzione ha inoltre espresso l’auspicio che Stefano Bonaccini possa guidare la lista della coalizione collegata al candidato presidente Vasco Errani e che Gian Carlo Muzzarelli possa essere riconfermato nella giunta regionale. Spetterà ora ai Circoli esprimersi sui nomi proposti e avanzarne di nuovi. Alla fine i candidati modenesi dovranno essere sei, rigorosamente tre uomini e tre donne, rappresentativi dei diversi territori in cui si articola la provincia di Modena e del pluralismo politico che anima il Pd. Entro il 5 febbraio, la direzione provinciale varerà la lista definitiva. Soragni dimettiti, Comunisti all’attacco Come anticipato nei giorni scorsi, la Federazione della sinistra di Finale Emilia, che aggrega Rifondazione, Comunisti italiani, Socialismo 2000 e Lavoro e solidarietà, ha presentato una mozione di sfiducia per chiedere al Sindaco Soragni di dimettersi. Perché la proposta sia discussa, però, è necessaria la firma di almeno otto consiglieri. Secondo la Federazione della sinistra, dopo la decisione di Soragni di candidarsi alla regionali nella lista dell’Udc, partito da sempre all’opposizione a Finale, è indispensabile andare subito ad elezioni anticipate perché, per rispetto degli elettori, non si può far finta che non sia successo nulla. I segretari cittadini di Rifondazione e Comunisti italiani, Ferrari e Boetti, chiedono al Pd di firmare la mozione come “Atto di responsabilità politica di fronte alla spregiudicatezza di Soragni”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC