in:

Davide Baruffi è il nuovo segretario provinciale del Partito Democratico. La proclamazione ufficiale avverrà il 23 gennaio, al termine delle assemblee di circoli che si aprono domani, ma tutte le mozioni hanno concordato sulla sua candidatura, l’unica in campo.

Sindaco, di Soliera, a 24 anni, poi responsabile dell’organizzazione dei Ds e coordinatore politico del Pd, oggi anche consigliere provinciale. Il 35enne Davide Baruffi, che il prossimo 23 gennaio sarà proclamato nuovo segretario provinciale del Pd di Modena, è un enfant prodige della politica, ma adesso per lui comincia la sfida più difficile: raccogliere l’eredità di Stefano Bonaccini, passato alla guida regionale del partito, e rilanciare il progetto politico dei democratici, in vista delle prossime elezioni regionali, ma non solo. Le difficoltà nazionali, infatti, si sono riverberate anche nel modenese, dove alle ultime amministrative sono arrivati i clamorosi ballottaggi di Mirandola e Vignola e la sconfitta a Sassuolo. Fotografie delle difficoltà che attanagliano il centrosinistra anche in Emilia Romagna. Una sfida che Baruffi proverà a vincere rilanciando l’unità del Pd, non a caso la sua candidatura ha messo d’accordo le tre mozioni che si erano divise a livello nazionale, puntando sul rilancio delle alleanze e su un’idea di sviluppo etica e sostenibile, che presti grande attenzione alle fasce più deboli della popolazione. La proclamazione di Davide Baruffi avverrà al termine dei congressi di circolo in programma da domani al 17 gennaio, chiamati ad eleggere gli oltre 300 delegati che comporranno l’Assemblea provinciale.


Riproduzione riservata © 2016 TRC