in:

Ieri sera a Carpi ha fatto tappa Pierluigi Bersani, l’ex Ministro del Governo Prodi, candidato alla segreteria nazionale del Pd. “Abbiamo faticato e perso due anni – ha detto – adesso è il momento di fare per davvero il partito”.

Bersani all’attacco. Davanti al presidente della Regione, Errani, al candidato alla segreteria regionale, Bonaccini, e a tanti suoi sostenitori più o meno illustri, a cominciare dal suo collega nel Governo Prodi, Santagata, e dai parlamentari Barbolini e Miglioli, Pierluigi Bersani ha spiegato le ragioni della sua candidatura alla guida del Partito Democratico. “Dobbiamo smetterla – ha detto Bersani – di guardare al passato, di parlare di ex, di post, e iniziare a costruire davvero un partito con una forte identità e programmi capaci di parlare al futuro dell’Italia”. Bocciato Grillo, Bersani ha ribadito che il suo Pd guarda a sinistra e si ispirerà all’Ulivo, disponibile alle alleanze e non autosufficiente. Bersani teme che la competizione interna sottragga al Pd la capacità di fare un’opposizione seria al Governo Berlusconi. Per questo, da Carpi, ha anche voluto lanciare un messaggio chiaro sulla crisi economica, chiedendo a Tremonti provvedimenti più forte per supportare i lavoratori e le imprese, a cominciare da quelle più piccole e a rischio chiusura.     


Riproduzione riservata © 2018 TRC