in:

E l’Arci contro il pericolo dell’aumento dell’astensionismo ha promosso una specifica campagna di comunicazione.

Gli scontenti della nascita del Pd o del Pdl; gli indifferenti; chi non si riconosce in nessuno dei candidati, nonostante proprio questa tornata elettorale abbia visto tutto un fiorire di liste alternative: per molti analisti, il vero rischio delle elezioni del 6 e 7 giugno è quello dell’astensionismo. Il partito del non voto potrebbe, insomma, fare la differenza sia a destra che a sinistra. Contro questo fenomeno, finora molto più conosciuto all’estero che da noi, l’Arci ha promosso una campagna di comunicazione. Manifesti in cui un giovane sorridente inalbera il cartello “Io voto” e al suo fianco una sagoma grigia contrappone il messaggio “Io vuoto”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC